Una scelta il Comune: 25mila cittadini favorevoli alla donazione di organi

 

Una scelta il comune: 25mila cittadini favorevoli alla donazione di organi. Importanti il rispetto della volontÓ della persona e la certezza del decesso:

 

A un anno dal lancio dell'iniziativa "Una scelta in Comune", in 25mila dicono sì al trapianto di organi fornendo il proprio assenso agli sportelli dell'Anagrafe. In Italia sono già più di 415mila i consensi manifestati nelle sedi anagrafiche dei Comuni, 84mila dei quali in Lombardia, la regione con la maggior adesione dopo l'Emilia Romagna (86mila consensi).

Il progetto è partito l'11 gennaio 2016 grazie all'adesione del Comune di Milano al Protocollo d'Intesa tra Regione Lombardia e Centro Nazionale per i Trapianti, Federsanità-ANCI, ANCI Lombardia, Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule - AIDO e Associazione Nord Italian Transplantprogram - NITp. Oggi sono stati resi noti i risultati del primo anno di attività dagli assessori Roberta Cocco (Trasformazione digitale e Servizi Civici) e Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali), insieme a Maurizio Sardella (Presidente Aido Gruppo Speciale di Milano), Giuseppe Piccolo (coordinatore Regionale Trapianti) e Sergio Vesconi (membro del Comitato esecutivo del Sistema Trapianti Regionale).

"In un anno abbiamo raggiunto risultati importanti - hanno commentato l'assessore alla Trasformazione digitale e Servizi civici, Roberta Cocco e alle Politiche sociali e Salute, Pierfrancesco Majorino -. Quasi trentamila cittadini maggiorenni hanno espresso il proprio assenso o diniego agli sportelli delle nostre sedi anagrafiche e l'85 per cento di questi ha dato il proprio consenso alla donazione di organi. Una adesione che conferma la sensibilità dei milanesi di fronte ad un tema delicato e che certamente conferma la bontà e utilità di questa iniziativa, un gesto di solidarietà rivolto alle persone che sono in attesa di un trapianto".

"Un grande risultato frutto di una collaborazione con il Comune di Milano - spiega il Presidente Gruppo Speciale di Milano Maurizio Sardella - la dimostrazione della grande sensibilità e disponibilità dell'Amministrazione Cittadina, dei suoi funzionari e di tutti gli addetti degli uffici anagrafe che attraverso il loro lavoro lo hanno permesso". Il trapianto di organi oggi è un programma terapeutico consolidato con una qualità in Italia tra le migliori a livello europeo: la percentuale di sopravvivenza, a 5 anni dal trapianto, oscilla mediamente tra l'80 e il 90%.

 

 

(Fonte: : funweek.it-Milano)

 

 

 

Condividi su Facebook