PRIMO TRAPIANTO DI CUORE DA CADAVERE IN EUROPA. EFFETTUATO IN GRAN BRETAGNA SU UN UOMO DI 60 ANNI

 

Primo trapianto di "cuore fermo" in Europa: l'intervento, di cui danno notizia i principali quotidiani inglesi, è stato portato a termine al Papworth Hospital nel Cambridgeshire su un uomo di 60 anni che ha ricevuto un cuore fermo, ed è perfettamente riuscito. Fino ad ora era stato possibile trapiantare cuori ancora in funzione da pazienti in stato di morte cerebrale. Ma i chirurghi britannici hanno dimostrato che anche un cuore fermo può essere riattivato.

Il primo intervento è stato portato a termine un mese fa, ed il paziente che ha ricevuto il nuovo cuore si sta riprendendo bene. Secondo i medici inglesi, la nuova tecnica potrebbe determinare un incremento di un quarto dei trapianti di cuore nel Regno Unito, permettendo di salvare centinaia di vite. Il cuore fermo è stato riattivato nel ricevente attraverso una pompa che ne ha permesso il monitoraggio per un'ora, in maniera da accertarne l'efficienza.

«Sto bene. Prima del trapianto riuscivo a malapena a camminare, la mia vita era difficilissima. Ora mi sento ogni giorno più forte ed oggi sono andato a piedi in ospedale per un controllo senza nessun problema». A raccontare la sua esperienza sul sito della Bbc è Huluseyin Uca, meccanico che vive in un quartiere a nord di Londra. L'uomo, di 60 anni, ha ricevuto un cuore 'fermo' ossia non più battente, che una volta trapiantato ha ripreso a funzionare. L'intervento è stato effettuato lo scorso mese ed all'inizio della settimana il paziente è stato dimesso dall'ospedale ed ora si trova a casa sua in buone condizioni. Soddisfatto Stephen Large, il chirurgo a capo dell'equipe che ha portato a termine il trapianto: «Così potremo aumentare in maniera significativa il numero totale di trapianti di cuore che si fanno ogni anno, salvando centinaia di vite», sostiene il medico.

 

(fonte: Ansa)

 

Condividi su Facebook